Come potrei capire se nessuno mi guida? (At 8,31) - Racconti di accompagnamento spirituale…

Stampa

Influencer, opinion leader, personal trainer, testimonial… Chi di noi non si è mai trovato almeno una volta ad ascoltare, seguire, magari imitare qualche personaggio di riferimento,

per curiosità o per bisogno… o a cercare buone e chiare indicazioni in qualche tutorial che indichi il metodo e i passaggi necessari per piccole o grandi imprese!

Nel tempo delle autonomie e delle libertà individuali riscopriamo un po’ tutti il desiderio di essere guidati da qualcuno. Anche nella fede? Anche nella ricerca di Dio? Anche in qualcosa di così personale? Certo che sì. Tutta la Bibbia ci parla di incontri con Dio sempre “mediati”, accompagnati, quasi a ricordarci che scoprire il Suo Volto non è un’esperienza che ci isola ma che ci mette insieme, ci mette “in rete”. 

Nella millenaria esperienza della Chiesa non è mai mancata la figura della guida spirituale: chi è? Non è altri che un fratello o una sorella nella fede che cammina con te, che con te si pone in ascolto di quanto la Parola di Dio ha da dire alla tua vita, che con te cerca di cogliere i movimenti dello Spirito. Non è certo qualcuno che si sostituisce a te nelle scelte, o che ha la risposta pronta da dare di fronte ad ogni problema. È piuttosto un amico che, nella comune fiducia, si pone in ascolto e prova ad allargare lo sguardo.

Ho chiesto ad alcuni giovani che vivono l’esperienza dell’accompagnamento spirituale di raccontarsi un po’, di dire che cos’è per loro questo percorso.

 

Don Andrea Dani

 

In una società che sta diventando sempre più liquida, i cui valori e le condotte della maggioranza si modificano continuamente e non sono ben definiti, decidere di intraprendere un cammino di accompagnamento spirituale può rivelarsi un'ottima scelta soprattutto per coloro che – come me – vorrebbero definire il proprio modo di essere cristiano.

Il confronto con la mia guida spirituale mi aiuta a “trasformare l'acqua in vino”, ossia guardare qualcosa di apparentemente banale come ad un piccolo, ma importante, prodigio. Solo scorgendo lo straordinario nell'ordinario mi rendo conto di quanto ogni giorno sia una benedizione cui essere grati a Dio. E, per quanto dura possa essere a volte la vita, c'è sempre un piccolo grande miracolo preparato appositamente per me: non cambierà il mondo, ma sicuramente mi è d'aiuto a stringere in un abbraccio tutta la mia esistenza. 

 

Giorgia Martini

 

 

Lo scorso anno ho partecipato al percorso Sichem, proposta vocazionale per giovani. Importante in questo cammino è la figura della guida spirituale, persona a cui si fa riferimento per essere accompagnati nel percorso personale di vita e di fede. Inizialmente non sentivo di avere questa necessità e trovavo difficile condividere pensieri personali con una persona nuova. Ora mi rendo conto che questa figura è un dono! Personalmente mi ha aiutato ad aprirmi, a condividere i miei pensieri e sentimenti per essere accompagnata e rassicurata nel mio percorso di discernimento. È un'occasione di confronto e dialogo su argomenti che riguardano la mia vita alla luce della fede. Sono stata molto fortunata perché ho trovato nella mia guida una persona delicata, comprensiva e capace di ascoltare, dandomi la possibilità di aver fiducia e condividere il mio vissuto. 

 

Maddalena Ertolupi

 

 

Nella vita di tutti i giorni, sicuramente ti sarà capitato che spunti e idee da parte di persone a te vicine ti diano la capacità di vedere le cose da un’altra angolazione, e magari ti sono state di aiuto per risolvere piccoli o grandi problemi.

Per lo stesso principio, un cammino di fede ha bisogno di un accompagnamento spirituale che ti permetta di guardare alla tua vita con occhi diversi cogliendo particolari che da soli non riusciremmo nemmeno a riconoscere.

L’accompagnamento spirituale è il più bel regalo che una persona in cerca di Dio possa farsi!

Il presupposto fondamentale affinché questo percorso porti frutto è la sincerità che devi imparare ad avere con te stesso!!

Una guida spirituale potrà aiutarti a capire dove Dio è davvero presente nella tua vita e quali sono le circostanze che ti allontanano da lui!

 

Mattia Carollo