Seminario Maggiore

«Ecco, come l'argilla è nelle mani del vasaio, così voi siete nelle mie mani» (Ger 18,6)

È ormai noto come i numeri nei seminari del Triveneto siano in vertiginoso calo, la scelta del ministero ordinato come quello della vita religiosa diventa sempre più lontana e distinta dai diversi percorsi di "orientamento" per il futuro. Forse proprio perché si tratta di cose ben diverse. 

"COME UN TESORO"  (Mt 13)

Domenica 27 gennaio in Diocesi celebriamo la Giornata del Seminario.

Per le nostre comunità cristiane è l’occasione di affidare al Signore i ragazzi e giovani che abitano questa grande casa, e di sostenere economicamente le loro esigenze formative grazie alle offerte raccolte nelle S. Messe che saranno destinate a questo scopo.

Andiamo fino a Betlemme, come i pastori. 

L'importante è muoversi.

E se invece di un Dio glorioso, 

ci imbattiamo nella fragilità di un bambino,

non ci venga il dubbio di aver sbagliato il percorso.

Il volto spaurito degli oppressi, la solitudine degli infelici,

l'amarezza di tutti gli uomini della Terra,

sono il luogo dove Egli continua a vivere in clandestinità.

A noi il compito di cercarlo. 

Mettiamoci in cammino senza paura.

 (don Tonino Bello)

 

Per voi tutti sia lieto il cammino, sospinto alla ricerca del volto di Dio,

che si rivela e nasconde nel volto dei fratelli. 

Buon Natale! 

La comunità di teologia del seminario di Vicenza

Il terzo anno del percorso formativo del Seminario è solitamente un anno particolare, di “servizio”: al seminarista viene proposto di vivere una esperienza intensa a disposizione di altri, continuando contemporaneamente il proprio itinerario scolastico e di discernimento.

È la quarta volta che con la comunità di teologia partecipo agli esercizi spirituali, e anche se in diverse location mi ritrovo ad avere i ritmi ben in testa. Quest’anno parto con un po’ di amarezza nel cuore, la morte di don Silvano, alcuni altri lutti e pensieri che caratterizzano i giorni subito antecedenti ai tanto attesi esercizi.