Mandorlo

Chi vive al Mandorlo?

Da qualche settimana sono ripresi la vita e il percorso formativo de “Il Mandorlo”, la piccola comunità propedeutica del Seminario che tenta di accompagnare giovani che si interrogano a fare luce sulla possibilità di seguire il Signore Gesù nel ministero del prete.
È una realtà nata ben 30 anni fa nella nostra Chiesa diocesana, e che quest’anno vive una svolta significativa: dai locali del Seminario si è trasferita in parrocchia, a Santa Caterina, accanto al centro Vocazionale Ora Decima. Affidando al Signore e al sostegno delle comunità cristiane questo passaggio, lascio la parola a chi ora abita e vive questa esperienza.
Don Andrea Dani
 
 
 
Ciao, sono Andrè Giraldi, ho 32 anni e sono della parrocchia di San Michele Arcangelo dell'Unità Pastorale di Angarano in Bassano del Grappa. Poco prima di entrare nella comunità vocazionale del "Mandorlo" lavoravo nel settore agricolo vitivinicolo. Scherzosamente mi piace pensare che passo dalla vigna "materiale" alla vigna del Signore.
Quest'anno, dopo un lungo discernimento durato qualche tempo, ho finalmente deciso di entrare a far parte della comunità propedeutica del seminario vescovile di Vicenza. Questa scelta è stata per me molto importante e allo stesso tempo difficile perché purtroppo non condivisa da alcune persone a me vicine.
Comunque, alla mia età, mi sono posto la domanda di cosa sia più importante nella mia vita e mi sono convinto che Gesù è colui che ho sempre cercato. In Lui, infatti, mi affido e ringrazio perché questo cammino formativo sia per me una scoperta continua della fede.
 
André
 
Mi chiamo Emanuele Marino, ho 35 anni e vengo dalla "nuova" Unità Pastorale di Cologna Veneta. All'interno di un gruppo di preghiera di cui ho fatto parte fino a poco tempo fa, il Signore ha riacceso in me la fiamma della fede, dopo diversi anni trascorsi nella tiepidezza spirituale. Ho chiesto di entrare al Mandorlo dopo aver riflettuto lungamente sulla mia vocazione e in quest'anno di cammino avrò modo di ascoltare ed ascoltarmi, per capire a cosa il Signore mi sta chiamando ad essere nella vita. Il quotidiano che sto vivendo nella comunità del Mandorlo mi permette di vivere in prima persona la Parola di Dio; è una realtà che mi fa vedere, conoscere e vivere cos'è essere Chiesa, un'opportunità che prima d'ora sentivo lontana da me ma, che nel fondo del cuore, aveva spesso suscitato curiosità ed interesse. Ringrazio il Signore di avermi rimesso sul Suo cammino.
 
Emanuele
 
Sono Daniele Bertoldo, ho 24 anni, sono originario di Thiene, accolto a Monte di Malo, arrivato a novembre da San Martin de Paras, in Perù.
Sono entrato con molte persone nella Comunità "Il mandorlo", tutte quelle che mi porto nel cuore e che sono, e sono state compagne di cammino.
Da dicembre sono in questa comunità e ho capito che prima di essere un attaccante o un difensore devi imparare a giocare a calcio. Non faccio nessuna scelta vera se prima non accolgo l'amore di Dio.
Che è per tutti.
Allora vi domando di pregare per noi, perchè accogliendo il volto di Dio, la nostra vita diventi una preghiera per il mondo.
 
Daniele